Corrispondenze incrociate

Per ottimizzare e facilitare la ricerca delle Corrispondenze è stato introdotto in modo esclusivo un inedito metodo di suddivisione che tiene conto delle diverse FONTI o dei diversi CRITERI con cui si possono identificare le Corrispondenze stesse a livello mondiale.

In generale il criterio di partenza per la identificazione di materiali equivalenti si basa sulla COMPOSIZIONE CHIMICA, per approdare successivamente alle proprietà meccaniche e alle condizioni di fornitura. Questo criterio è adottato normalmente dagli Enti di Normalizzazione Internazionali (SDO, Standard Developement Organizations) che tuttavia in diversi casi non forniscono alcuna corrispondenza. Per questo motivo sono stati sviluppati ulteriori criteri per consentire di identificare in prima istanza materiali equivalenti almeno dal punto di vista chimico.

N.B.: LA CORRISPONDENZA NELLA COMPOSIZIONE CHIMICA E’ CONDIZIONE NECESSARIA MA NON SUFFICIENTE. OCCORRE – QUANDO DISPONIBILI DA PARTE DELLE NORMATIVE O DEI PRODUTTORI – CONFRONTARE ANCHE LE PROPRIETA’ MECCANICHE E LE CONDIZIONI DI FORNITURA.

Ecco in sintesi i dettagli di questa suddivisione con alcuni esempi. Ci riferiamo al titolo delle varie etichette (labels) che compaiono nella sezione CORRISPONDENZE.

Tutti

Viene mostrata la lista complessiva di tutte le corrispondenze ottenute tramite i criteri successivi senza alcuna distinzione. Presenta quindi un quadro solamente indicativo. E’ utile nel caso in cui non compaia alcuna corrispondenza (lista vuota). In questo caso non rimane che affidarsi alla funzione SMARTCROSS che identificherà materiali che si avvicinano a quello di partenza per composizione chimica.

Identical

Lista che contiene i materiali che sono definiti identici dalle Normative. Alcuni esempi:

  • Designazioni simboliche e numeriche per lo stesso materiale; es. nelle EN l’acciaio X39Cr 13 corrisponde alla designazione WN 1.4031.
  • Designazioni simboliche identiche in differenti Normative: troviamo l’ X39Cr13 sia nelle DIN che nelle UNI (basate sulle EN); oppure negli USA l’SA180F10 delle ASME lo ritroviamo anche nelle ASTM come A-182F10.
  • Semplice sostituzione per aggiornamento della Normativa senza variazioni nella composizione: l’ UNS N06017 è stato rimpiazzato da N06985.

da Normative

Queste sono Corrispondenze Ufficiali secondo quanto raccomandato dalla Normative nella loro documentazione di riferimento. Es. nelle Norme India IS 9175 si afferma che la designazione 30 CB corrisponde al SAE 1030, e il 35CB equivale al DIN C35 e AISI 1035. Per la Cina, la GB 4239 dichiara che l’ 1Cr17Mn6Ni5N equivale al giapponese SUS201, all’AISI 201, all’UNS S20100. Questa lista non comprende i materiali “Identici” della prima lista.

Comp. Chimica 100%

In questa lista vengono inseriti materiali non compresi nelle liste precedenti ma la cui Composizione Chimica rientra nei valori min/max del materiale di partenza al 100%. Questa corrispondenza chimica fornisce un importante “indizio” per una equivalenza, ma occorre sempre in questo caso confrontare le Proprietà Meccaniche (come minimo) e lo stato di fornitura, che possono differire anche in modo sostanziale.

Corrisp. Indirette

In questo caso una Normativa A può dichiarare una corrispondenza del materiale di partenza ad uno della Normativa B, e una Normativa C mette un suo materiale in corrispondenza a quello della Normativa B: La lista mostra una equivalenza tra i materiali di A e C (proprietà “transitiva”). Esempio: l’americana SAE dice che il 5115 equivale all’1.8963 delle EN, e la Cinese GB dichiara il suo 15Cr equivalente al SAE 5115. Ebbene, noi mostriamo una corrispondenza “indiretta” (o implicita) tra il 15Cr e l’1.8963. Di nuovo valutare bene le Proprietà etc.

da Altre Fonti

Le informazioni sulle corrispondenze vengono fornite da cataloghi di produttori, analisi di laboratori, letteratura, siti Internet. Si tratta di dati non provenienti da fonti “Ufficiali” e quindi vanno attentamente valutati nel loro valore assoluto e in base a Composizione, Proprietà etc.

SmartCross

Questo strumento esclusivo rappresenta “l’ultima spiaggia” per trovare corrispondenze (dal punto di vista chimico) quando tutti i criteri precedenti non forniscono alcun dato utile. Quindi si parte da materiali che hanno un “indice di similarità” inferiore ad 1 (altrimenti sarebbero nella lista “Comp. Chimica 100%). Anche in questo caso occorre sempre esaminare ciascun materiale a livello di Composizione effettiva e Proprietà (da paragonare a quelle di partenza).